MENTOPLASTICA

Guarda il video >

La mentoplastica, nota anche come chirurgia di rimodellamento del mento, è uno degli interventi sempre più richiesti nel campo della chirurgia estetica.
Questa tecnica consente di modificare la forma e le dimensioni del mento migliorando l’armonia del viso e del proprio aspetto.
Più esattamente, la chirurgia estetica del mento consente di aumentare mediante protesi di silicone (mentoplastica additiva) o diminuire (mentoplastica riduttiva) le dimensioni di un mento troppo piccolo, troppo grande o troppo largo.
La mentoplastica può essere eseguita da sola o, come avviene molto spesso, in associazione ad altre tecniche chirurgiche quali la blefaroplastica, il lifting, la rinoplastica, o altri interventi di chirurgia estetica.

FASE PRE-OPERATORIA
La mentoplastica è un intervento fortemente personalizzato e in quanto tale, necessita di un’accurata visita specialistica. Durante la prima visita si valuteranno la forma e le dimensioni del mento verificando la presenza di eventuali difetti estetici e/o funzionali per la masticazione e verranno illustrate le possibili modificazioni armoniche della forma, del profilo e dell’estetica del vostro volto.
Tali correzioni potranno essere visualizzate mediante l’elaborazione computerizzata di foto digitali del vostro viso. La disamina delle condizioni di salute è necessaria per escludere la presenza di alterazioni (quali pressione alta, problemi di coagulazione o di cicatrizzazione) che potrebbero influire sul risultato finale dell’intervento. Prima dell’intervento è consigliato smettere di fumare e non assumere farmaci come aspirina o altri farmaci che la contengano per almeno due settimane precedenti all’intervento.

CARATTERISTICHE DELL’ INTERVENTO
La mentoplastica viene generalmente eseguita in anestesia locale e in regime di day-hospital. Talvolta questi interventi possono essere eseguiti in anestesia generale con ricovero in clinica per una o due notti. Le incisioni saranno assolutamente invisibili in quanto nascoste all’interno delle cavità orale.

FASE POST-OPERATORIA
L’intervento dura circa un’ora, ed è indolore, esso termina con una piccola medicazione con garze e cerotti e l’applicazione di ghiaccio sulla zona trattata per le 12 ore successive all’intervento.
Nei due giorni immediatamente successivi all’intervento la paziente dovrà rispettare un riposo assoluto assumendo una posizione della testa leggermente elevata. 
A partire dal terzo giorno si potranno iniziare a svolgere le normali attività premurandosi però di non stancarsi oltremodo e più del necessario. I sintomi che potrebbero comparire nei primi due giorni potranno essere gonfiore ed ecchimosi intorno agli occhi, alle guance e al collo che con il passare dei giorni si allevieranno fino a scomparire del tutto.
Un limitato gonfiore potrà persistere anche per qualche settimana, soprattutto intorno alla zona trattata, o in seguito all’assunzione di bevande molto calde e all’esposizione al sole, che andrebbe evitate per i primi mesi.


Condividi