I RITOCCHI DOPO LA RINOPLASTICA (e la loro correzione )

La Rinoplastica è un intervento molto delicato , in cui 2  millimetri in più o in meno fanno la differenza tra un successo ed un insuccesso.I bravi operatori devono avere una attenzione maniacale per i dettagli e conoscere alcune centinaia di tecniche diverse per le varie situazioni anatomiche e , soprattutto, non smettere mai di studiare, osservare e confrontare.La presenza di difetti dopo la operazione è una evenienza possibile  ; se questi difetti rientrano in una fascia di tolleranza , a fronte ad un evidente miglioramento estetico , allora il paziente ritorna dallo stesso operatore , che cerca di correggerli. In tal caso si parla di ‘Rinoplastica di Revisione’ . Se i difetti sono di entità tale da indurre il paziente a cambiare operatore per sfiducia nel primo e si giunge ad un nuovo intervento , allora parliamo di  Rinoplastica Secondaria. Vi sono casi in cui il paziente non si accorge del difetto residuo o non vi fa caso ; in queste occasioni la maggior parte degli operatori non cita il difetto e non solleva il problema ;.vi sono  casi in cui gli operatori negano anche l’evidenza di un difetto chiaramente visibile  , adducendo le più svariate e pittoresche spiegazioni.; vi sono, infine , casi in cui il difetto è inesistente e presente solo nella mente del paziente ,che ha un carattere ipercritico ,ed in questi casi l’operatore deve convincere il paziente che è ‘tutto a posto’ e questa impresa , a volte è molto difficile.

La Clinica dei Nasi ed i difetti post rinoplastica:

Nel caso della Rinoplastica è risaputo che la abilità chirurgica e ,quindi , i risultati ,migliorano col numero degli interventi e con l’esperienza.. Questo perché le varietà anatomiche dei nasi sono infinite ed ogni naso è diverso dagli altri e pone problemi sempre nuovi. In effetti se una manovra chirurgica o una tecnica vanno molto bene per un naso , possono essere deleterie per un altro .Lo studio dei  difetti residui dopo la rinoplastica  e la loro correzione rappresentano una esperienza insostituibile ed un grande arricchimento nell’arte della rinoplastica.Noi della Clinica dei Nasi , da anni  studiamo la anatomia dei nasi operati e, cerchiamo di perfezionare sempre di più  le correzioni  da apportare , in caso di difetti residui  sia con la ‘tecnica chiusa’ tradizionale , che con quella ‘aperta’, che consiste nella esposizione diretta delle strutture anatomiche del naso , grazie ad una incisione supplementare alla base della columella..

 Le Nostre Regole nei difetti post rinoplastica

Naturalmente, a volte ,anche i  nasi da noi operati  hanno piccoli difetti  residui dopo l’  operazione, che richiedono qualche infiltrazione di filler o di cortisone o ,molto  raramente, una   modesta revisione in anestesia locale  ; in tal caso la nostra politica è quella di sollecitare i pazienti a sottoporsi alle revisioni ,anche se non ci vengono richieste, e sempre a costo zero.La  nostra missione è quella di tendere alla ‘perfezione’ e per questo siamo disposti ‘a tutto’, anche  a richiamare i pazienti di nostra iniziativa .Molto frequenti sono, invece, le richieste che ci vengono fatte  di Rinoplastiche Secondarie per grosse imperfezioni  in rinoplastiche effettuate ‘altrove’.In casi del genere occorre mettere a nudo la anatomia residuata dopo la rinoplastica primaria , fare una esatta diagnosi dell’errore  ed apportare   innesti e correzioni di vario tipo.  In genere interveniamo con la tecnica aperta se il primo intervento era stato eseguito con tecnica chiusa  e tecnica chiusa se il primo intervento era stato fatto con tecnica aperta.

 


 


Condividi