Filler Labbra – Aumento Volume Labbra e Ridefinizione

 Le labbra sono da sempre considerate un elemento fondamentale che esalta l’armonia del viso. Negli anni il concetto di labbra e cambiato (nella forma e nel volume).

Come è cambiato il concetto di labbra negli anni?

  •  anni 20’, la forma delle labbra è prevalentemente ad “arco di cupido”; (Greta Garbo )
  • 0 greta-garbo-001-794x496
  •  anni 50’, la bocca colorata e sensuale (Merilyn Monroe);
  • 1 marylin monroe
  •  anni 60’, labbra piene e colore tenue (Brigitte Bardot);
  • 2 brigitte bardot
  •  anni 80’, bocca proiettata in avanti esaltata da colori gloss (Kim Basinger);  
  • 3 kim-basinger
  •   anni 90’, bocca voluminosa e piena (Pamela Anderson);
  • 4 pamela-anderson
  • anni 2000, in armonia col viso (Michelle Pfiffer).

6 Michelle Pfeiffer

Cosa ne pensa il chirurgo estetico?

Le labbra mettono in risalto il terzo inferiore del volto,esse hanno bisogno di pienezza e forma per un buon equilibrio estetico. Col passare del tempo le labbra diventano meno attraenti, ci può essere una perdita di volume e pienezza, una perdita della forma (si assottigliano, si appiattiscono) o una perdita di volume osseo (mandibola), una perdita dell’altezza dentale.

A quali risultati punta il chirurgo estetico?

L’ aumento delle labbra è una sfida, richiede più ”abilità artistica” rispetto al riempimento di rughe; la matrice cellulare delle labbra è diversa da quella della pelle e soprattutto le labbra sono molto ”mobili”.

E’ sicuramente fondamentale capire le esigenze della/del paziente, ma i punti cardine che non vengono mai persi di vista sono:

  •  Studiare e agire nel rispetto e nell’armonia del viso ripristinando il volume;
  • Creare una naturalezza nella proiezione aumentando l’altezza verticale delle labbra;
  • Rispettare la morfologia ed evitare l’effetto ”duck lip”.

I Fillers

Sono materiali che vengono iniettati nella pelle del viso, con un ago molto sottile, per riempire rughe, cicatrici, solchi nasogenieni pronunciati, o per aumentare il volume delle labbra, del mento e degli zigomi.L’espressività delle labbra nella mimica facciale è di grande importanza, e le richieste più frequenti riguardano l’aumento di volume delle labbra, più raramente la riduzione. Per sua composizione, le particelle di gel si devono integrare con l’anatomia delle labbra. La struttura del gel utilizzato deve essere sia compatta che flessibile per resistere allo stress meccanico dei movimenti labiali.

Compatta:

  •  Il gel è formato da particelle molto compatte (difficili da contare);
  • Il gel, una volta iniettato, si distende riempiendo la struttura labiale in modo omogeneo e continuo.

Flessibile:

  • Segue la mimica labiale;
  •  Resiste alla sollecitazione meccanica;
  • Crea volume, definizione e pienezza.

 Curiosità

L’ingresso dei fillers nella medicina estetica risale a circa 50 anni fa, quando ancora le sostanze iniettabili per mascherare i segni dell’invecchiamento erano costituite da pericolosi oli di siliconi. L’impiego dei fillers all’olio di silicone in questo settore dell’estetica è stato bandito intorno agli anno Ottanta del Novecento (e lo è tuttora).


Condividi