Rinoplastica : Le nostre dieci regole d’oro.

  • Rinoplastica : Le nostre dieci  regole d’oro. 

      La Clinica dei Nasi  Dr C.Martino –

dottmartino 

  • La rinoplastica , fra gli interventi di chirurgia plastica è il più antico. .Negli ultimi anni si sono avute molte innovazioni , diffuse soprattutto con l’affermarsi della tecnica ‘Open’ , tanto che , specie negli Stati Uniti,si sono formate intere generazioni di chirurghi rinologi che praticano solo la ‘Open’. Noi che ci siamo formati alla scuola dei vecchi maestri come Pellegrini e Ponti e pure abbiamo accolto e sperimentato tutte le innovazioni  riteniamo che la tecnica chiusa resti sempre il punto di partenza e che sia opportuno passare alla tecnica Open solo quando vi siano da risolvere problemi di rafforzamento strutturale , debolezza valvolare ,o gravi deviazioni . Inoltre la tendenza di oggi è quella di applicare le tecniche supportive della Open nell’ambito della tecnica Chiusa , realizzando quella che viene definita ‘Rinoplastica  Ibrida’.
  • Questo  complesso intervento  risulta facile  in apparenza  , ma in effetti  è difficile ottenere risultati perfetti ; ogni risultato , infatti, anche se migliorativo, è sempre ‘perfettibile.’
  • A beneficio dei colleghi giovani enunciamo alcuni consigli tecnici che riteniamo utili a chi si avvicina a questa disciplina , che fa’ riferimento ad  una scienza molto complessa per la molteplicità delle situazioni anatomiche  e per le tante varianti che si incontrano .
  • Queste regole d’oro scaturiscono dalla nostra esperienza di   migliaia di operazioni; alcune sono semplici e scontate , altre  provengono da un ripensamento continuo di dettagli tecnici , basato sulla analisi degli errori commessi. Siamo stati sempre consapevoli che lo studio Enunciamo , alcune regole che abbiamo codificato in 25 anni di Rinoplastiche .  Esse sono :
  • 1)-Applicazione di un approccio standardizzato a tutti i casi ( classificazione del difetto estetico/ rinoscopia /esami /progetto e studio fotografico) / scelta della tecnica più semplice/.-

 B_ANNO1

  • 2) Quando è possibile Anestesia Locale . Anestesia Generale nei casi complessi .
  • 3) Attesa di 20’ dopo la infiltrazione anestetica con adrenalina 1/50.000 /,questa attesa  è indispensabile per evitare ogni sanguinamento.

B_ANNO2

  • 4)– Attenzione nello scollamento del dorso su un piano  che sta’ rigorosamente sotto la membrana che copre la cartilagine e l’osso ( sottopericondrale e sottoperiostale) ; questo piano
  • di scollamento riduce l’edema  ed abbrevia i tempi di guarigione –
  • B_ANNO 8
  • 5)Ricerca di un giusto equilibrio fra dorso e punta considerando che  il sollevamento della punta modifica la linea del dorso

 B_ANNO 10

  • 6)Ricerca di una   ricostruzione anatomica  del dorso con  la creazione di un dorso naturale e della giusta larghezza e non troppo stretto come spesso si vede dopo una rinoplastica  ; per questo non si asporta il gibbo in blocco con la forbice  , ma si mantengono integre le cartilagini del dorso asportando solo il bordo settale superiore ; si usano le stesse cupole mucose che stanno sotto le cartilagini del dorso , che vengono mantenute integre (conservazione delle ULC , che sono le cartilagini del dorso ), abbassamento solo  bordo settale superiore dopo separazione extramucosa delle ULC . Se necessario utilizziamo gli innesti distanziatori detti ‘spreader graft’.per allargare il dorso e le valvole nasali interne

 B_ANNO 11

B_ANNO 12

  • 7) Evitiamo  di essere aggressivi sulle cartilagini della punta (LLC) : lasciamo almeno 6mm di altezza residua e non stringiamo troppo le suture modellanti sui dom /.In caso di collasso valvolare , usiamo innesti settali  i Batten Graft o  LCSG /Se la punta è debole e cascante  usiamo tutta una serie di innesti per rialzarla e rafforzarla .

B_ANNO 13

  • 8) Se vi è una esposizione columellare ( Hanging Columella ), la correggiamo  mediante  un innesto columellare (CS ) Suture domali e interdomali, Suture PCS (setto-columellari ), resezioni di cute vestibolare e di  strip delle crura mediali /
  • B_ANNO13
  • 9) Le  osteotomie sempre mediane oblique e  laterali basse o alte ,ma  sempre passanti per gli X-point. (i punti più larghi dell’ impianto nasale sulla mascella ) /Nel Naso  deviato con un lato  convesso ed uno piatto o concavo sempre due osteotomie per lato;  si aggiunge una frattura etmoidale Green -Stick per raddrizzare la piramide/Se alla fine il dorso è troppo basso non esitare ad usare un innesto dorsale  dorsal graft.
  • B_ANNO14
  • 10) /Resezione della base delle narici per ridurre la larghezza delle narici .
  • Immagine narici

Condividi